EgoTeatro

Posts Tagged ‘laboratorio

Sono aperte le iscrizioni al nuovo laboratorio teatrale “7 X…”, con Giovanni Nardoni e Lisa Colosimo, che si svolgerà a partire dal mese di ottobre 2010 e fino a giugno 2011, con frequenza bi-settimanale (per un totale di 28 ore mensili).

Il laboratorio sarà articolato in due livelli, base ed avanzato, e riguarderà le seguenti materie di studio:

Orientamento nello spazio scenico ed extra-scenico
Corpo dell’attore specchio dell’emotività
Dizione e Voce
Dall’improvvisazione al gesto tecnico
La messa in scena

 

A conclusione del laboratorio, è prevista la messa in scena di uno spettacolo in un teatro romano.

Il costo per ogni partecipante è di 120 euro mensili.
Per info e prenotazioni, scrivete a egoteatro@gmail.com o telefonate al 349.44.28.716 oppure al 339.77.44.521

Annunci

Il laboratorio teatrale “7 x…” nasce a Roma dal felice sodalizio artistico tra un regista ed un’attrice con formazione diversa ma con la stessa visione estetica ed “etica” del fare teatro.
Il nome che porta è simbolo di molte cose: 7 sono le Arti,7 i colli di Roma, 7 i vizi capitali, 7 le note musicali e 7 sono stati anche gli allievi da cui anni fa è partito…

Abbiamo messo in scena molti autori tra cui Master, Corwell, Aykbourne, Carroll… passando per Campanile, la mitologia greca, Rodari, Calvino, Alda Merini e naturalmente Shakespeare.

Il tipo di lavoro, altamente formativo, è annuale: da ottobre a giugno, con frequenza bi-settimanale, per un totale di 28 ore al mese, che si intensificano in fase di montaggio dello spettacolo finale, in scena per una settimana in un teatro romano.

Il percorso si articola su due livelli: base ed avanzato.
La ricerca della propria attorialità è una strada lunga ed impegnativa da percorrere, per questo agli allievi vengono forniti strumenti che gradualmente li aiutino a scoprirsi e a riconoscersi in quello che fanno, tirando fuori le loro particolarità creative. Durante l’anno una serie di step interdisciplinari – preparazione di monologhi, pantomime, scene a due ecc. – li accompagnano fino alla “selezione”, tramite provino, per i ruoli da interpretare nello spettacolo di fine corso. Inoltre, al momento delle prove e della creazione dello spettacolo si cimentano con tutti gli aspetti della messa in scena: scenografie, costumi, produzione, pubblicità ecc.

 Le materie di studio contemplate nel corso del laboratorio sono:

  • l’orientamento nello spazio scenico ed extra-scenico
  • il corpo dell’attore come specchio dell’emotività
  • la dizione e la voce
  • dall’improvvisazione al gesto tecnico
  • la messa in scena.

Se sei interessato a partecipare al prossimo laboratorio “7 x…” (a partire da ottobre 2010), puoi contattarci tramite posta elettronica, all’indirizzo ego.messaggi@gmail.com

 Giovanni Nardoni e Lisa Colosimo

Velia Cecchini produzione presenta

La Tempesta

di William Shakespeare

regia di Giovanni Nardoni e Lisa Colosimo

Teatro Spazio Uno
Vicolo dei Panieri, 3 – Roma

Dal 23 al 27 giugno 2010, ore 21.00

Nato dall’esperienza del laboratorio teatrale “7 x…”, condotto da Giovanni Nardoni e Lisa Colosimo, questo spettacolo presenta una versione de La Tempesta di Shakespeare fedele all’originale e allo stesso tempo innovativa.

La commedia – che nel 1611 segnò l’addio alle scene del celebre drammaturgo, simboleggiato dalla rinuncia alle arti magiche da parte del protagonista dell’opera – si presenta infatti sapientemente rinnovata in virtù di originali scelte di regia e dell’interpretazione di attori non professionisti ma molto preparati.

La traduzione e l’adattamento di Livia De Dominicis sposa le geniali soluzioni scenografiche di Emilia Di Stefano e Cristiano Paliotto che consentono la moltiplicazione dei punti di vista e le apparizioni improvvise di spiriti e divinità, attraverso nicchie luminose che squarciano il fondale nero.

A contribuire alla suggestiva atmosfera creata dalle scene, le musiche originali di Bernardo Cardini.

Riguardo a questo spettacolo puoi:

Dal 23 al 27 giugno 2010, il laboratorio “7 x…”, condotto da Giovanni Nardoni e Lisa Colosimo porta in scena La Tempesta di William Shakespeare (al Teatro Spazio Uno, Vicolo dei Panieri, 3 – Roma).

 Ecco come i protagonisti raccontano questa esperienza:

Cinque atti che racchiudono tutto il teatro shakespeariano. Un’opera metateatrale che con lungimiranza anticipa i problemi legati alla violenza coloniale, primo far tutti quello della perdita della lingua madre. Per dirlo con le parole di Caliban: “Mi avete insegnato a parlare come voi e quel che ne ho guadagnato è questo. Ora so maledire”!

(Sara Morelli – Miranda/Iris)

 

La Tempesta evoca, ammalia e risveglia… è un tuffo magico nella fitta trama dell’animo umano

(Emilia Di Stefano – Stefano)

 

La Tempesta scatenata da Prospero sconvolge alla radice le vite di tutti i personaggi. Dopo per nessuno di loro nulla sarà più come lo stesso. Sorprendentemente però è proprio Prospero ad avere il cambiamento più grande

(Giuseppe Arbia – Prospero /Alonso)

 

Notte e luce su un’isola di carta, scolpita nell’oscura madreperla del mare in tempesta. E noi, randagi e patetici dei ed eroi, evasi dalla scena, mendichiamo la libertà di essere della stessa materia di cui sono fatti i sogni

(Livia De Dominicis – Giunone)

 

Volo, ergo sum

(Emanuele Perrucci – Caliban)

 

La complessa e autobiografica sintesi di una coscienza artistica

(Giada Lo Russo – Trinculo)

 

L’uomo è sempre uguale all’uomo, dovunque egli sia… Nella ricchezza come nella miseria; nel passato e nel presente… nel potere… nel mondo o su un’isola deserta

(Tiziano Di Sora – Ariel)

 

La molteplicità di allusioni e simboli spaventa e gratifica chi si accinge a rappresentarla…

(Giuseppe Ciccone – Ferdinando)

 

Ti ho dato una casa nella mia stessa grotta. Ricchezza, povertà, servitù, più niente. Siamo della materia di cui son fatti i sogni e… ecco gli annunci e la denuncia dei nuovi tempi nell’eterna vacuità dell’uomo. Eterno, inarrivabile William!

(Beniamino Furcolo – Prospero/Gonzalo)

 

Quest’isola dove fantasia e realtà si fondono, dove il dolore è scacciato dalla saggezza

(Giorgia Rossi – Miranda/Iris)


Il nostro ufficio stampa e promozione

associazione culturale MEssaggi
Annunci